Studio Associato RCF
Progetti > Edifici pubblici > Progetto di recupero dell' Ex-Fornace di Riccione (Riccione, 2015)
Foto: 1 2 3 4 5 6 7

Riccione
Progetto di recupero dell' Ex-Fornace di Riccione, 2015

Il progetto di recupero dell'Ex-Fornace a Riccione convertita in scuola media, ha vinto la Menzione d'Onore della Medaglia d'oro all'Architettura italiana 2015 ( assegnata a P.C. Pellegrini con lo Studio RCF & Partners di Riccione).
Esito di un appalto-concorso bandito dal Comune nel 2010, ultimato  nel 2014, offre un approfondimento “sul campo”, quanto mai importante nell’attuale momento storico, del tema del riuso edilizio e della conversione di spazi industriali dismessi. Il tema appare centrale nelle nostre realtà urbane in cui il “costruire sul costruito” tende sempre più a sostituire l’occupazione di nuove aree o nuovi spazi extraurbani. Da qui la necessità di individuare appropriate funzioni e destinazioni in grado di rigenerare il patrimonio edilizio esistente.
I volumi architettonici dell’edificio premiato risultano semplici e riconoscibili, uniformando forme, materiali e colori, reinterpretando gli aspetti storici delle preesistenze archeologiche alla luce della contemporaneità; seguendo un processo di “addizione” mai concluso. Il progetto aspira ad una certa continuità con la Storia non tanto in termini stilistici, quanto per la sintassi compositiva, consentendo la trasformazione dell'uso delle opere nel tempo, senza che queste perdano la loro identità. Da qui il confronto dialettico tra il mattone recuperato e la nuova pelle in laterizio, tra la bicromia “storica” ottenuta sul piano e quella spaziale di progetto.
L’edificio è composto da un corpo ad un piano e da un’altro, con questo collegato, a tre piani fuori terra. Le pareti esterne sono fortemente caratterizzate da un sistema di schermatura in cotto montato a secco con  funzione di brise-soleil, che assicura la bicromia richiesta con il pannello isolante in lana color rosso sottostante. Questo consente anche la ventilazione della  parete e limita l’irraggiamento solare nei mesi caldi, oltre ad occultare tubi pluviali e  canalizzazioni a parete, preservando l’aspetto unitario dell’intervento.