Studio Associato RCF
Progetti > Edifici pubblici > Stadio del Nuoto di Riccione (Riccione, 2004)
Foto: 1 2 3 4 5 6 7 8 9

Riccione
Stadio del Nuoto di Riccione, 2004

Il nuovo Stadio del Nuoto di Riccione è inserito all’interno di un polo sportivo esistente.
Si è cercato un inserimento nel contesto con il minore impatto ambientale, utilizzando una sezione curvilinea che, partendo da terra, si impenna per poi ridiscendere dolcemente verso le piscine esterne. Si è perseguito un criterio generale di essenzialità e pulizia compositiva, sia all’interno (distribuzione, materiali, arredi) che nelle sistemazioni esterne.
L’idea di partenza è quella di creare un contenitore, simile ad un grande “ventre”, al cui interno fossero leggibili distintamente i volumi di distribuzione.
La pianta presenta una forma rettangolare di 62.00 x 82.00 con 9 campate successive. La modularità così ottenuta soddisfa pienamente l’aspetto formale, economico e di flessibilità futura.
In cemento armato sono state realizzate le parti strutturali in elevazione, in legno lamellare le grandi travi portanti a sezione curvilinea  che sporgono al di sopra del manto di copertura, che denunciano così  le suddivisioni interne. Le pannellature di rivestimento esterno dei fianchi sono realizzate con fogli di lamiera stirata e forata in acciaio.
Il manto ci copertura è in lastre nervate di rame. La vetrata continua consente una illuminazione dosata e, tramite porte scorrevoli,  può essere aperta consentendo una vista diretta e suggestiva degli spazi esterni.
Lo Stadio del Nuoto si sviluppa su due piani: quello interrato in cui sono collocati tutti gli impianti tecnologici e quello a  terra che comprende l’ingresso, gli spogliatoi, la vasca olimpionica da 50 metri con 10 corsie e quella per i tuffi, le gradinate per il pubblico in grado di ospitare circa 1000 spettatori.
L’ingresso è caratterizzato da un volume a doppia altezza. Questo consente di avere, appena entrati, la vista della copertura lignea che prosegue verso la grande vetrata, apprezzando progressivamente l’intero volume.





Progetto architettonico: RCF & Partners -Riccione- in collab. con Polistudio.