Studio Associato RCF
Progetti > In corso > Complesso residenziale Spallicci (Morciano di Romagna, 2011)
Foto: 1 2 3 4 5

Morciano di Romagna
Complesso residenziale Spallicci, 2011

L’area oggetto dell’intervento è situata  a Morciano di Romagna, in adiacenza al Nuovo Polo Scolastico  e non lontano dal Centro Storico.
Il progetto ricerca la massima semplicità compositiva. Si è cercato di alleggerire il carico volumetrico suddividendolo in tre blocchi distinti: il primo, a tipologia in linea, presenta una grande compattezza dovendo confrontarsi con le cortine edilizie viarie esistenti. I due blocchi retrostanti possiedono una maggiore privacy ( tipologia con ingressi più indipendenti) e vedono la loro distribuzione in base al soleggiamento ed alla visuale di panoramicità. Gli stacchi tra i tre nuclei edilizi consentono l’inserimento di scale esterne  che individuano la successione degli alloggi.
Il progetto è imperniato  sul modulo abitativo che, partendo dalla disgregazione del blocco longitudinale, arriva gradualmente alla compattezza del blocco a corte.
L’intervento conta 49 alloggi complessivi, ognuno dotato di posti auto e cantina privata.
Le aree pedonali saranno pavimentate con il porfido, mentre i parcheggi a  raso con elementi di cemento autobloccante con erba interposta.
Al fine di soddisfare il benessere abitativo e ridurre l’impatto ambientale, i materiali da impiegarsi sono stati scelti anche in base alle loro caratteristiche ecologiche e al facile reperimento in sito. Il materiale pensato per le murature esterne è l’intonaco tinteggiato; le parti che vengono sottratte o aggiunte, che si muovono cioè dai piani di base, saranno trattate invece con intonaco tinteggiato di colore diverso.
Le coperture inclinate saranno realizzate con la struttura in legno lamellare e il manto in lastre di rame nervato, che meglio si presta alla semplicità volumetrica dell’intero progetto. I parapetti delle logge e le ringhiere delle scale esterne  saranno realizzate in acciaio e si presenteranno come protezioni estremamente leggere e filtranti.
Vengono dunque individuati alcuni criteri  per contenere il risparmio energetico: schermature esterne per l’irraggiamento estivo alle aperture poste a sud e  sud-ovest, adeguata inerzia termica delle pareti, impiego di materiali ad alta densità, sistemi radianti a pavimento, pannelli solari per la produzione di acqua calda sanitaria, raccolta dell’acqua piovana per l’irrigazione dei giardini  e la pulizia dei selciati.